Guida ai servizi

La Guida ai Servizi nasce dall’esigenza di avvicinare l’Ufficio ai cittadini ed al territorio in cui esso opera, migliorandone i rapporti e semplificando la fruizione dei servizi.
L’intento principale è quello di favorire la conoscenza dei servizi forniti dal Tribunale, informare sulle modalità di accesso e di erogazione, consentendo un primo contatto tra l’Amministrazione della Giustizia e l’utenza, che permette di ottenere informazioni senza la necessità di doversi recare, nei limiti del possibile, presso gli uffici per la loro acquisizione.
La guida offerta, però, non ha, né potrebbe avere, la pretesa di essere esaustiva e contiene informazioni che riguardano, in via principale, quelle attività di natura prevalentemente amministrativa o di “volontaria giurisdizione” che non richiedono in linea di massima l’assistenza tecnica di un professionista, fermo restando che per la consulenza legale è sempre necessario rivolgersi ad un avvocato.
Si precisa che per procedimenti di “volontaria giurisdizione” si intendono quelli caratterizzati dal fatto che non vi sono due o più parti contrapposte, portatrici di interessi in conflitto (sempreché il procedimento non attenga alla tutela di situazioni sostanziali di diritti o di stati della persona, nel qual caso è sempre necessario l’assistenza di un difensore).


Rinuncia all'eredità
Cos'è

E’ una dichiarazione resa dall’erede che non intende accettare l’eredità del defunto.

La rinuncia all'eredita' deve farsi con dichiarazione, resa al notaio o al cancelliere del Tribunale competente (ovvero' il Tribunale nella cui circoscrizione il defunto aveva l’ultimo domicilio), entro tre mesi dalla morte se si e' nel possesso dei beni o entro dieci anni se non si e' nel possesso dei beni.

Viene effettuata generalmente quando l'eredita' e' gravata da debiti per non dovervi rispondere e in tal caso dovra' essere effettuata anche da tutti i discendenti del rinunciante.

Puo' essere fatta anche per agevolare altri coeredi con un unico passaggio di proprietà qualora l'eredita' sia attiva. La rinuncia non puo' essere parziale, ne' condizionata, ne' a termine.

Normativa di riferimento

Artt. 519 e ss. c.c.

Chi lo può richiedere

Può essere effettuata dagli eredi e, nel caso di minori, interdetti, inabilitati e persone giuridiche, chi li rappresenta. 

Cosa occorre

I rinuncianti si devono presentare personalmente, se maggiorenni. Nel caso di minorenni si devono presentare entrambi i genitori in loro rappresentanza.

Per la redazione dell'atto occorrono:

  • certificato di morte in carta libera;
  • 1 marca da bollo da € 16,00;
  • 1 marca per diritti di copia di € 11,63;
  • documento valido di riconoscimento in originale ed in copia;
  • codice fiscale del defunto e del rinunciante in originale ed in copia (anche se minore/interdetto/inabilitato o sottoposto ad amministrazione di sostegno);
  • dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà in ordine all’ultimo domicilio del defunto;

Successivamente alla redazione dell'atto in Tribunale

  • versamento per la registrazione di € 200,00 da effettuarsi contestualmente alla redazione dell'atto, tramite modello F23 da pagare presso uffici postali o bancari.

Se per minore/interdetto/inabilitato o sottoposto ad amministrazione di sostegno e' necessaria una copia conforme dell'autorizzazione del Giudice Tutelare.

Dove si richiede

Cancelleria Volontaria Giurisdizione

Primo piano (nuovo edificio)

telefono 091-8152409 - 263 - 247

Per appuntamento anche telefonico, il lunedì e il mercoledì ai n. 091-8152409 - 263 - 247

Quanto costa
  • 1 marca da bollo da € 16,00;
  • 1 marca per diritti di copia di € 11,63;
  • versamento per la registrazione di € 200,00
Tempi medi di erogazione

L'atto viene formalizzato in giornata.